L’implantologia dentale, un approfondimento sulle diverse possibilità

500 900
L’implantologia dentale, un approfondimento sulle diverse possibilità
2019-06-17
L’implantologia dentale, un approfondimento sulle diverse possibilità

L’implantologia dentale consente oggi di far fronte alla perdita o mancanza (agenesia) dei denti naturali ripristinando il sorriso e la naturale masticazione del paziente, in modo invisibile e funzionale.

 

 

 

 

 

 

La tecnica dell’implantologia dentale permette infatti una riabilitazione fissa della masticazione, evitando i fastidi legati all’utilizzo di protesi mobili o protesizzazioni dei denti adiacenti.
La tecnica implantologica prevede l’inserimento chirurgico nell’osso mandibolare o mascellare, di perni in titanio (biocompatibili per l’organismo), i quali fungono da sostegno fisso per gli elementi dentali artificiali.

Il Centro odontoiatrico del Dott. Riccardo Rizzo a Ciriè è specializzato nell’applicazione delle più moderne tecniche implantologiche. La scelta della strategia più corretta (impianti sommersi o a carico immediato) avviene in funzione delle esigenze del singolo paziente e delle sue caratteristiche cliniche, sia locali (stato osseo e gengivale) che generali (età e condizioni di salute).

Le sofisticate tecnologie e i nuovi metodi di intervento, un’accurata pianificazione oltre che la verifica costante delle migliori terapie implantologiche, rendono lo Studio del Dott. Riccardo Rizzo in grado di affrontare anche gli interventi più complessi.

Talvolta è necessaria la rigenerazione ossea

La rigenerazione/ricostruzione ossea può essere eseguita contemporaneamente all’inserimento degli impianti, quando la quantità di osso preesistente è insufficiente; questi interventi vengono risolti in fase unica.
Diversamente, vengono risolti in fase doppia quegli interventi in cui la quantità di osso preesistente è talmente esigua da impedire l’immediato posizionamento degli impianti. In questo caso viene effettuato un primo intervento con lo scopo di rigenerare o ricostruire nelle gravi atrofie l’osso e un secondo intervento, dopo alcuni mesi, per il posizionamento degli impianti stessi.

Le tecniche:

Le tecniche di rigenerazione ossea prevedono l’uso di osso autologo e/o bio-materiale e/o membrane – riassorbibili o non riassorbibili – che creano un effetto tenda che permette alle cellule dell’osso di colonizzarne lo spazio sottostante.

Se vuoi saperne di più sulla tecnica di impianto dello Studio del Dott. Riccardo Rizzo, visita la sezione dedicata.

Vieni a trovarci e scopri tutti i vantaggi di affidarti allo Studio del Dott. Riccardo Rizzo, non esitare a contattarci, la prima visita è gratuita!

Condividi: